Stivali, dunque sandali

Milano

L’inverno che arriva, la primavera che arriverà, ci portano una strana convivenza di opposti, di due dimensioni opposte del vestire i piedi: stivali e sandali.

Il sogno di Salvatore Ferragamo era quello di arrivare ad ottenere la scarpa invisibile: ecco i sandali coni fili di nylon per tomaia, le suole di vinile trasparente, rifiutati o non capiti perché al tempo il piede nudo era foriero di scandali e pensieri sconvenienti. Il sandalo oggi è la norma, lo si vede in tutte le strade del mondo. Non più solo per la sera, ma anche per lo sport estremo, per l’arrampicata o la corsa. Sembra che le scarpe chiuse stiano facendo di tutto per aprirsi: per lasciare il piede libero di respirare o per consentirgli di farsi vedere? Il corpo ostentato è ormai protagonista della moda, ed è passato negli ultimi anni per ogni tipo di aderenza e di trasparenza.

La visione di ogni parte del corpo non ha più il sapore della liberazione, nemmeno più quello dell’apparizione. Ferragamo oggi sarebbe a suo agio.

Annunci