Studio Visit: Paula Cademartori

IMG_2248

My new article for Cool Hunting.

Constantly surrounded by architectural and natural beauty alike, Italians sometimes need someone from abroad to remind them of their exceptional surroundings. This may happen when friends and family visit or when some talented creative mind falls in love with local processes. The latter is the case of Paula Cademartori, a Brazilian fashion designer who can be counted among the ambassadors of the “Made in Italy” movement.

Cademartori studied design at Istituto Marangoni and business at Bocconi University, after which she moved to the Marche region (east of Florence on the Adriatic) to work at Orciani for one year. Here she learned what it really means to produce leather goods, the secrets of tanning, cutting, assembling and realizing unique crafts from start to finish. Then she moved back to Milan for two very intense years designing accessories at Versace.

Nevertheless, her dream was to create her own brand, and her first signature bag collection was launched in 2011. In just four years, she established herself as an icon among fashion devotees and buyers alike. We recently met with Cademartori to delve into her creative process and check out an exclusive preview of her new 300-square-meter studio and headquarters in the heart of Milan, where she works with a staff of 17 people. Like in her designs, the space is filled with sophisticated colors, upscale atmospheric touches and shots of pure energy.

“The beauty of Italy,” Cademartori explains of her decision to start the company outside her native Brazil, “is that you can design and then accompany all phases of the project. In a very small territory you have so many people so capable and full of experience that you can learn, discuss, and you always get to do something better than you have imagined. For me, coming from a different culture and a different story (even thou I’ve lived in Italy for the past 10 years) this possibility of direct exchange with all the craftsmen and technicians is always an enrichment.”

Cademartori was raised in Brazil and trained to be an industrial and jewelry designer. For this reason her methodology is far from traditional fashion design. She always starts with the realization of a very complete project (almost final), which then undergoes small changes in the factory. “Each one of my bags originates from my studio, where I have four designers. When I start with an idea, I need to plan it; to understand the user, which volumes and proportions she needs. When I get to the factory, ideas are already very clear, but then there can be a process of evolution. Some details are decided in production, such as the position of the seams in relationship to the inlay, or the use of the materials most suitable for a specific purpose.”

Her pursuit of beauty is punctuated with determination. “If you do not have a real purpose, it’s not enough that the object is beautiful. The aesthetic side matters, but the functionality and the market category are all factors that must be thought of first. My project is global and wants to reach out to all cultures of the world. For this reason, my range is now much larger, designed for women of all backgrounds and origins.”

Cademartori’s bags are extremely spacious yet structured so that everything can be easily organized and accessed quickly, without forcing users to rummage around. Colorful on the outside, they follow defined structural lines, so that one can make the most of space without overstuffing. For this reason they always keep the shape (the study of the structure is critical for the designer) and never lose the beauty of their unique proportions. Also the smallest of clutches have separate areas for smartphones and the bigger styles can hold tablets and other daily essentials. “Each bag is very easy to use,” she adds, “Petite Faye, one of our best-sellers, is full of pockets and is not very deep, so you can reach everything quickly. I love totes, but then you can not find anything inside.”

Since the first collection, Cademartori wanted all the small metal parts to be custom designed, including the recognizable buckle. “That is my logo as well. I put it on all my products and it tells who I am. When I launched my line I aimed at something fresh and new, but I also wanted it to look important. I did not want a simple logo, but a heraldic symbol, as if it were a family crest,” she says. “I started with Greek pi and worked on it, redesigned it so to get to the one we see today. My name you will see very little, since I don’t need to sign my products on the outside, but on the inside. My bags have to be iconic for their design, not because of the name that goes with it.”

Each Cademartori bag can be seen as a sort of base, a frame, a blank canvas upon which to give birth to an infinite variety of colors, materials and inspirations. Her enthusiasm rises when she talks creativity: “The funniest part of the design is when we say, ‘OK, let’s dress the babes!’ At this stage we think less to the design of forms and we freely work on the decoration, the choice of colors and combinations. And I can be a little obsessive with these things.”

In January, Cademartori will present a new line of small leather goods, with some products for men too. “I would like to create a philosophy, a real lifestyle. We started from the bags, but there is a world to be built,” she adds. Expect more surprises to follow, always colorful, always energetic and elegant. And of course—always from excellent Italian factories.

IMG_2240 IMG_2350 IMG_2344 IMG_2342 IMG_2339 IMG_2327 IMG_2326 IMG_2321 IMG_2299 IMG_2296 IMG_2290 IMG_2284 IMG_2260 IMG_2257

Annunci

Rock’n’John

Difficile parlare di moda e cultura oggi. È difficile citare senza copiare, difficile raccontare il già visto senza sembrare noiosi, difficile affrontare le icone senza essere leziosi.

John Varvatos fa eccezione. Da buon americano non ha paura di raccontare il passato con la giusta distanza, riesce a prendere il suo heritage e a giocarci. Per la collezione PE 2015 è partito dai Queen, in particolare da “A Night at the Opera“, portando nell’abbigliamento da giorno quello che di solito si trova di sera. Così ha usato tessuti chiari e stropicciati, ma con le forme tipiche delle giacche e dei gilet che si possono vedere alla Scala o al Met.

Il risultato è credibile e divertente, fatto di costruzioni ben studiate, forme lineari e nette, che ben si sposano con uno tocco leggero e rilassato. Ma soprattutto abbiamo visto uno stile genuinamente maschile, per niente ambiguo, in cui anche i fiori di stoffa applicati al bavero della giacca non ricordano Chanel, ma un deciso gesto rock, al limite del punk, capace di dimostrare una profonda conoscenza di quello di cui si sta parlando.

Drums and drones

L’ultima sfilata di Marras, quella per la collezione uomo PE2015, ha dimostrato come le dicotomie vecchio/nuovo, tradizione/innovazione, digitale/analogico, troppo abusate da giornalisti e uffici stampa senza idee, oramai non abbiano più alcun senso.

Il lavoro di Marras è sempre un tutt’uno, che fonde e trasforma tamburi e droni, maglie sportive e tessuti d’alta sartoria, popolo del circus of fashion e vecchiette alla finestra, sport e birra, Sardegna e Africa, Gigi Riva e Brasile. Tutto mirabilmente accorpato, amalgamato, ridotto, esattamente come accade in cucina: quando mangi un buon piatto non riesci a distinguere gli ingredienti, ma scopri sapori nuovi; non riesci ad analizzare il percorso, ma vuoi comunque godere al massimo di quell’attimo di estasi.

IMG_0572 IMG_0574 IMG_0578 IMG_0583 IMG_0586 IMG_0595 IMG_0596 IMG_0602 IMG_0606 IMG_0607 IMG_0613 IMG_0616 IMG_0618 IMG_0622 IMG_0628 IMG_0639 IMG_0650 IMG_0656 IMG_0660 IMG_0667 IMG_0669 IMG_0673 IMG_0681

Il Mediterraneo di Boglioli

Le immagini nostalgiche del turismo nel Mediterraneo negli anni ’60 e ’70 sono l’ispirazione della collezione PE 2015 di Boglioli. Durante la presentazione i modelli erano tranquilli e rilassati, nel cortile di un maestoso palazzo del centro di Milano, uno di quelli che ti fanno pensare di essere a Roma o a Parigi. Il set era ispirato all’Hotel Il Pellicano, storica meta turistica di Porto Ercole, in Toscana. E in pochi secondi ci si sentiva già in viaggio.

In questo contesto i colori (forti e precisi) e i materiali (ricchi e piacevoli al tatto) erano netti e definiti. I toni delle ginestre, tutti i blu del mare, i bruciati da macchia mediterranea in Agosto c’erano tutti, uno in fila all’altro, come un panorama da cartolina piacevolmente sbiadita. Una cartolina nella quale passeggiare con una mano in tasca, tra tagli impeccabili, qualche sottile sorpresa (la spalle più disegnate del solito), proporzioni magistrali, tessuti con i quali vorresti farci una coperta di Linus per averli sempre con sé, in ogni viaggio.

IMG_0470 IMG_0468IMG_0472 IMG_0473 IMG_0476  IMG_0482 IMG_0479IMG_0485 IMG_0486 IMG_0491

Fashion Revolution con un selfie

Ultimamente la moda di rivoluzioni ne fa pochine: non molti nuovi stili, idee innovative un po’ scarse, nuovi marchi sempre meno. E se la vera rivoluzione fosse nel backstage? Non quello delle sfilate, ma quello produttivo.

Esattamente un anno fa crollava il Rana Plaza in Bangladesh, uccidendo 1138 persone e sollevando a livello globale molte questioni riguardanti i metodi di produzione dell’abbigliamento, soprattutto low cost. Molto si è scritto e detto a proposito di questa immane tragedia, ma poco è stato fatto. Fashion Revolution è un progetto che vuole far crescere la consapevolezza sulle origini dei nostri capi di abbigliamento. Le iniziative sul territorio sono parecchie in tutto il mondo (anche in Italia), ma quella più semplice è un bel selfie con i propri abiti indossati al contrario, accompagnato dall’invito a specificare meglio dove e chi ha confezionato il capo. L’hashtag è #InsideOut e deve essere accompagnato dal quote del marchio che si sta indossando.

Ecco il mio tweet. Ci vuole un minuto ed è un messaggio forte e chiaro che gli appassionati di moda possono dare a chi la moda la realizza.

La casa touch

Oggi si parla tanto di touch, ma poco di soft. La mostra La Casa Morbida, voluta da Foscarini e curata da Beppe Finessi, colma questa lacuna.

Il luogo scelto e il tema della mostra creano un’accoppiata più unica che rara. Il Museo Poldi Pezzoli è prima di tutto una casa, ma anche un luogo di collezione ed esposizione di tessuti preziosi e rari. Gran parte dell’esperienza sta nell’attraversare gli austeri luoghi del museo con le sue durezze (marmi, bronzi, stucchi, armature, legno, vetro) e vederli riempiti di mobili imbottiti, tappeti, ricami, lane. Scovando i pezzi della mostra tra i pezzi della collezione si scopre che la scelta è curata all’ossessione, tra oggetti unici o quasi (come il sorprendente “Tappeto Volante” di Ettore Sottsass) e oggetti visti mille volte (ad esempio i “Feltri” di Gaetano Pesce per Cassina), tra essenzialità grafica (il tappeto “Untitled” di Rosemarie Trockel) e iperboli kitsch (la “Piesces Chair” di Carla Tolomeo).

La Casa Morbida di Foscarini non è una smart home: è un abbraccio da abitare. In un’epoca in cui tutti tocchiamo da mattina a sera freddi monitor di vetro, avere a che fare con un tocco caldo e soffice apre il cuore e la mente. Si torna piccoli inventori, si scoprono esperimenti di ogni sorta, si ammirano lavorazioni magistrali, si resta sorpresi dalla semplicità di alcune idee, ci si scopre a violare il “non toccare” che vige nei musei più tradizionali.

La mostra è aperta a Milano, in via Manzoni 12, fino al 5 maggio.

Il salto di MSGM

L’ultima collezione di MSGM, aka Massimo Giorgetti, ha sancito un punto di non ritorno: una collezione riconoscibile, chiara, forte del tratto di chi la crea, ma più matura e – a tratti – rischiosa. Un piacere per gli occhi.