Luce fredda, interazione calda

Salone del Mobile 2014, insieme Fuorisalone, sottoinsieme Zona Tortona, sottoinsieme proprio Superstudio Più: qui si trovava Art-Interaction, una piccola installazione che ha presentato un paio di interessanti progetti di design reattivo.

I ragazzi di [archiattack]studio hanno pensato di trasformare in oggetto il fascio di luce di un faretto da concerto. Ecco come nasce cuHop, una lampada a forma di cuopp’ (evocazione partenopea geniuslocale) prodotta da Slide. La luce cambiava e si trasformava con la musica, ma anche con il canto e le parole dei visitatori che avevano a disposizione un microfono.

IMG_7341 IMG_7342 IMG_7344

Il secondo progetto era “8 minutes” di Roberto Fazio, che ha scelto di collegare la sua installazione luminosa con il satellite GOES 15 del NOAA Space Weather Prediction Center, che si trova a circa 36.000 chilometri da Milano. I led nello scantinato del Superstudio Più reagivano all’attività del Sole, ricreando un’esplosione fredda ed emozionante.

IMG_7351 IMG_7354 IMG_7346

Annunci

Interview: Daniele Lago and Paola Jannelli

interview_danielle_lago_2-thumb-900x640-55795

My new article for Cool Hunting

Considered one of the most interesting furniture companies in Italy, LAGO shines for its vision and often surprising and extremely innovative approach to design. Together with Jannelli&Volpi—also a leader in Italian design for wallpaper and furnishing fabrics, and for their JVstore in Milan—they have now developed a line of poetic and surreal wallpaper called “Luci e Ombre,” or “Light and Shadows”.

The two companies meld their shared foundations of family entrepreneurial tradition to collaborate on the illusionistic decor, which features reflections from wrought iron railings, ornamental window sills, balconies, terraces and imaginary curtains tossing imaginary shadows across the non-woven fabric. Some of the designs also recall some iconic LAGO modular furniture, like the N.O.W wardrobe.

The first “Luci e ombre” wall coverings were exhibited at Abitare il Tempo in late 2012, but the entire collection was presented by LAGO at IMM Cologne, last January. LAGO and Jannelli&Vopli will showcase the collection at the official Salone Internazionale del Mobile but also at the parallel Fuorisalone, the series of events that every year transform the entire city of Milan. We had the chance to interview Daniele Lago and Paola Jannelli, the two minds behind the entire development of the project.

LAGO company started off with furniture and now it’s going in the direction of a fully accessorized home. How important is it to you to decorate the entire interior?

Lago: For us it is important to have a positive impact on people’s lives and in our path, we realized that we needed a zoom-out from the simple product. Thanks to the Appartamento LAGO project (where I acted as an interior designer) I realized that the role of the interior designer is central to rethink how we live the home today. So I thought it would be fun to suggest other types of products, later to be put in the hands of interior designers, like new letters that expand the LAGO alphabet with a new vocabulary. This project will be launched in a preview during the upcoming Salone at the core of our Fuorisalone events in our apartment in Via Brera, 30.

How did the collaboration with LAGO began?

Jannelli: From a mutual understanding that I think prompted the original call and sparked the necessary enthusiasm. Being able to ensure all our experience, technique, history and continuity in the construction of a product such as the wallpaper, I think, has helped us to enhance and support an idea that has generated great synergy.

This line of wallpaper is highly poetic and personal. What do you think of the relationship between representation and evocation?

Lago: The first time I met Paola, if I remember correctly, we had a passionate discussion on the concept of decoration—both of us being genuine and sincere, and in the end we just understood each other. I wanted to investigate in a more intimate way the world of decoration applied to wallpaper, seeking magic representations that produced positive feelings. “Luci e ombre” came about while I was having breakfast on a quiet Sunday morning and the shadows generated by a beautiful sun made me feel good. I just tried to reproduce that feeling onto the wallpaper.

This collection can recall the photographic wallpapers so popular in the 1970s. Is there an explicit reference?

Jannelli: I do not think we should look for historical references. I think we’d rather focus on the contemporary side of our product that transcends the meaning of pure decoration. We find design-oriented strength in innovative technical values that stimulate the imagination and improve the quality of a space with a simple sign like a ray of light, shadows, the flight of butterflies, reflections, dreams.

Can you anticipate us some of the things that you will present at the next Salone del Mobile?

Lago: We have many plans. At the official exhibition center we will present the segment of interior design, from floor to wall finishes, but also the wallpapers. A 20-meters-long wooden table will cut in two the stand, where visitors will engage in a very social atmosphere. We will introduce new products that range from tables and bathrooms to systems designed by Lagostudio and myself. At Appartamento LAGO we will launch two major projects, and Architonic will be our media partner for a series of speeches with architects and designers. Last but not least, in the Lagostore on via Turati, most likely we will create a performance that involves the store windows. If you want to come and visit us at Appartamento, you are welcome—we never run out of coffee.

And what will Jannelli&Volpi present at Fuorisalone this year?

Jannelli: Many of our efforts are concentrated at our JVstore. This place has always been the headquarters of the company. There we’ll present Wonder Wallpaper (art direction by Matteo Ragni), a wonderful journey into the world of wall coverings, in which we present the new Jwall line, created with five photographers and Jannelli & Volpi’s CreativeLab.

Some other projects are a partnership with TDM6, the sixth edition of the Trienniale Design Museum, in addition to ZeroDesignFestival, which will take place from 15 to 17 of March at the Museum of Science and Technology, just before and in preparation of Salone. New partnerships with companies with whom we share the vision of the project include Stone Italiana presenting with us Stonewallpaper—in ‘stone paper’—within the project Stone Circus by Lorenzo Palmeri and, of course, LAGO.

Image courtesy of Lago and Jannelli&Volpi

Le parole del Salone 2012

Il Salone del Mobile è finito da poco più di dieci giorni e ce ne siamo quasi già dimenticati. Ma forse vogliamo solo rimuovere la fatica e non rimpiangere l’entusiasmo e le belle emozioni di quella settimana meravigliosa e maledetta, che per tutto l’anno aspettiamo e temiamo con la stessa forza. Cosa resterà della Design Week 2012? Oltre alle immagini, quali parole ci ricederemo?

1. Make things not slides

A detta di tutti, è stato “il Salone del fare”: linee di produzione portate nei musei, prototipi da museo in fiera, artigiani in vetrina, orologiai all’opera come parte integrante dell’allestimento, stampanti 3D per produrre dolci, chiodi e martelli laddove fino a qualche anno fa c’erano tartine e prosecco. In questo senso il luogo più memorabile è stato Palazzo Clerici, con la mostra The Future in the Making, meravigliosamente organizzata e allestita da Domus (dove c’era anche Vectorealism, a cui appartiene il memorabile slogan di cui sopra).

 

2. Buy now, keep forever

È più sostenibile un oggetto che muore a breve o uno che resta per sempre e si tramanda come un’opera d’arte. La questione è aperta, ma da molte parti (come da Artek) sembra che la scelta da appoggiare vada in direzione del desiderio di eternità. E non vale solo per le aziende con una storia di generazioni e un catalogo maestoso, ma anche per i giovani che hanno l’ambizione di attingere a piene mani dai serbatoi delle tradizioni. Disegnare per lasciare.

 

3. What if furniture could be downloaded?

Dopo questo Salone si può pensare ad un mondo in cui non si scaricano solo le cose che troviamo in vendita su iTunes, ma anche i file che consentiranno alle nostre stampanti 3D domestiche di realizzare oggetti veri e propri. Oppure inviare i nostri progetti a centri di stampa che li faranno diventare reali. Ma anche le istruzioni per realizzare in casa i progetti dei grandi designer (ma questo lo aveva già detto Enzo Mari qualche anno fa con l’autoprogettazione). Anche se tutto questo non si realizzerà completamente, con ogni probabilità tra qualche anno ci faremo in casa pezzi di ricambio e piccoli oggetti quotidiani. Oggi stampiamo in casa qualche documento e qualche fotografia, ma gli album e le cose importanti le portiamo da stampatori professionisti. Lo stesso avverrà per gli oggetti.

 

4. Past present future

Passato, presente e futuro non sono più allineati e consequenziali. Poco alla volta perdono i pezzi e si confondono i confini tra l’uno e l’altro. Diventa sempre più difficile tracciare i confini tra omaggi al passato e richiami al futuro, tra fatto a mano e prodotto in serie, icona di ieri e nuovo classico di domani. La tecnologia che abbiamo tra le mani tutti i giorni sta lavorando sempre di più sulle capacità predittive (come accade con la composizione dei testi o con la timeline di Facebook): i nuovi designer lo fanno spontaneamente, pensando oggetti e servizi talmente fantascientifici da sembrare arrivati da passato, così contemporanei da essere senza tempo nel momento stesso in cui nascono. Ricordiamo che Star Wars inizia così: “A long time ago in a galaxy far, far away“.

 

5. Yes! We can fix it!

Perché scartare quando si può recuperare? La questione è nata con l’ecologismo, ma oggi è diventata culturale. Ci sono talmente tante buone idee in giro che si possono costruire intere carriere partendo dal loro recupero. E lo stesso di può dire per materiali e tecniche. Non si tratta di nostalgia, al contrario: è la consapevolezza che il presente è talmente ricco da permettere un raccolto abbondante, realizzato senza sprechi inutili di energie, per continuare a generare frutti anche nelle stagioni a venire. Il bello sta nel fatto che per mettere in pratica questo meccanismo serve un sacco di ricerca. Ecologia delle idee sostenibili.

 

6. Ascolto dei desideri per la realizzazione dei progetti condivisi

Sicuramente è stato anche il Salone dell’ascolto: ma come quest’anno si sono visti programmi di conferenze e talk, con designer, artisti, architetti, chef, imprenditori disposti a raccontare la genesi dei loro progetti, delle loro idee e del futuro della creatività. Ma non è mancata nemmeno la musica, in particolare con Elita e con feste che avevano per protagonisti deejay e musicisti di fama internazionale.

 

7. Quel est votre objet préferé?

Like, tweet, Instagram: anche queste sono state parole chiave che al Salone di incontravano un po’ ovunque, dalle installazioni ai discorsi a margine. Si sono viste meno macchine fotografiche e più smartphone, a fotografare e condividere gli oggetti preferiti, ma anche gli allestimenti, alcuni dei quali erano veri e propri eye candy progettati per essere iPhoneografati.

 

8. Tì te sè minga chì

E invece no. Il “non sei qui”, ovvero la realtà aumentata e virtuale, al Salone non funziona. Il “qui ed ora” vince su tutto, magari aiutato da maps & apps, ma il passaparola non tecnologico è l’arma più forte per scoprire cosa vale la pena di visitare. Di certo si è visto meno cibo, ma rispetto a qualche anno fa non sono diminuite le relazioni reali.

 

9. Design belongs in real homes

Meno voli pindarici, più concretezza: anche questo è stato uno dei commenti più sentiti fin dal primo giorno di Salone. Ben venga un maggiore attaccamento alla realtà, una più sentita sobrietà, una solidità più vera. Ma questo va bene quando la realtà solida e rassicurante la propongono i grandi: se sono i giovani a farlo, beh, allora il risultato è il deludente e dimenticabile SaloneSatellite di quest’anno.

 

10. Love

Forse è forte affermare che si sia trattato del Salone dell’amore, ma sicuramente è stato il Salone del nuovo innamoramento di molte persone per il design e per la sua essenza: processi produttivi, qualità, origini, progetti di lungo periodo, storie, persone, condivisione ad ogni livello.

Nell’attesa di vedere tra un anno cosa succederà.