Smiling Fashion Week 2

Anna Dello Russo

Anna Dello Russo

IMG_3647

Elisa Nalin

Elisa Nalin

Alessandro Enriquez

Alessandro Enriquez

IMG_3450

Giovanna Battaglia

Giovanna Battaglia

Annunci

Happy faces from Milan Fashion Week

Elena Braghieri, Dario Spadea Pandolfi

Viviana Volpicella

Elisa Nalin

Giampaolo Sgura

Anna Dello Russo

Paula Cademartori

Gilda Koral Flora

Satoshi Klein Catalano

Giovanna Battaglia

Paula Cademartori

Natalie Joos

Caroline Issa

Elena Braghieri

Tamu McPherson

Gennarino

Special thanks and lot of love to Elena Braghieri for the help, the insider’s tips and the smiles.

(A)social Fashion Week

Mai come quest’anno sono riuscito a seguire tanti eventi della settimana della moda milanese. Sfilate, presentazioni, eventi, rumor: tutto dal vivo, tutto in diretta, tutto in tempo reale.

Tutto via web.

La sfilata di Prada me la sono vista comodamente seduto in treno tra Ginevra e Milano, i dettagli dei ricami 3D mi sono arrivati direttamente dal backstage grazie a Giovanna Battaglia, la notizia del giro di poltrone Jil Sander/Dior/YSL me l’ha tweettata nell’orecchio Anna Dello Russo quando mi trovavo all’IstitutoMarangoni, le lacrime di Raf Simons me le ha descritte Federico Marchetti mentre stavo pranzando a Roma, la sfilata di Dolce&Gabbana me la sono goduta in streaming sul divano prima di fare una passeggiata al laghetto dell’EUR.

La moda sta diventando social? Quello che ho scritto qualche giorno fa è già invecchiato?

Certo che no. La moda istituzionale non sta cambiando, ha solo scoperto un nuovo medium, e non lo sa usare se non per sottolineare la sua esclusività, ovvero il contrario del dialogo da socialcosi. Il tono dei tweet e dei post è di solito: “Guardate, sono in prima fila!”, “Eccomi, sono entrato alla festa”, “Questo il mio outfit per il pomeriggio”, “Collezione perfetta!”, “Look stupendo!”, “Amazing!”. Tutto questo ci vuole e piace. Ma non è abbastanza.

Quello che ancora manca sono le voci fuori dal coro, sono le persone che osano dire che una collezione è sbagliata, che una scelta non è innovativa, che un look è fuori luogo. Ma non per il gusto di criticare (anche se il cinismo degli utenti Twitter può raggiungere livelli di piacevolezza assoluta…), per il piacere di discutere, capire, costruire, crescere. Insomma, per il gusto di fare quello che la Rete sa fare meglio: creare conversazione e conoscenza, non solo comunicazione.