Osservatorio Prada: observing from both sides of the camera

Osservatorio is the most recent addition to Fondazione Prada. Opened on December 21, 2016 it is located in the very heart of Milan and is meant to showcase “photography and visual languages” today.

osservatorio 007_.jpg

Curated by Francesco Zanot, the opening exhibition is “Give me yesterday”.

osservatorio 001_.jpg

Fourteen Italian and international artists are the protagonists. Their names? Melanie Bonajo, Kenta Cobayashi, Tomé Duarte, Irene Fenara, Lebohang Kganye, Vendula Knopova, Leigh Ledare, Wen Ling, Ryan McGinley, Izumi Miyazaki, Joanna Piotrowska, Greg Reynolds, Antonio Rovaldi, Maurice van Es.

osservatorio 005_.jpg

osservatorio 006_Joanna Piotrowska.jpg

osservatorio 009_.jpg

osservatorio 010_.jpg

osservatorio 008_.jpg

The art on display is eye-catching, as well as the sourroundings. Being on top of the historic Galleria Vittorio Emanuele II, from the huge windows we can observe the glass top of the ancient arcade. This unusual point of view makes Osservatorio a real observatory over the city.

osservatorio 002_.jpg

osservatorio 003_.jpg

I visited the space at dusk and had a lot of fun with my Fuji X100T. But I was not alone, since lots of photographers and phonographers were all going back and forth from looking at pictures to actually taking pictures.

osservatorio 013_.jpg

osservatorio 011_.jpg

And this composition of Italian panoramas by Antonio Rovaldi is probably the most instagrammed work of the entire exhibition.

osservatorio 004_.jpg

Osservatorio is an ideal place for those who really love photography, from both sides of the camera.

Annunci

Bath in B&W

My humans of New York

0 2008 2243204934_ccea0ccafd_bNegli ultimi anni ho avuto la grande fortuna di andare spesso a New York, per lavoro ma anche per divertimento. Essere fotografi nelle strade della Grande Mela è facile: puoi scattare a caso e trovi sempre qualcosa di interessante, che valga la pena di essere osservato e condiviso.

Ma la cosa più bella sono le persone che trovi, le facce che vedi, gli umani che incontri. Quegli umani che sono rappresentati in modo magistrale da Humans of New York, il lavoro titanico che Brandon Stanton sta portando avanti da qualche anno, prima su Facebook, ora anche in un libro.

Il libro mi è arrivato ieri e sfogliandolo ho riconosciuto un sacco di posti noti, parchi, incroci, strade e piazze in cui mi diverto a fare safari, a spiare e osservare gli abitanti della città più interessante al mondo.

Mi sono divertito a ripescare un po’ delle immagini che raccontano meglio il mio personale punto di vista sugli umani sbarcati a New York.

Bristol in B&W

Wim Botha

Alcune immagini della bellissima installazione di Wim Botha per il Padiglione del Sudafrica alla Biennale di Venezia, in corso fino al 24 novembre.

LA in B&W

Black, white, New York