Rock’n’John

Difficile parlare di moda e cultura oggi. È difficile citare senza copiare, difficile raccontare il già visto senza sembrare noiosi, difficile affrontare le icone senza essere leziosi.

John Varvatos fa eccezione. Da buon americano non ha paura di raccontare il passato con la giusta distanza, riesce a prendere il suo heritage e a giocarci. Per la collezione PE 2015 è partito dai Queen, in particolare da “A Night at the Opera“, portando nell’abbigliamento da giorno quello che di solito si trova di sera. Così ha usato tessuti chiari e stropicciati, ma con le forme tipiche delle giacche e dei gilet che si possono vedere alla Scala o al Met.

Il risultato è credibile e divertente, fatto di costruzioni ben studiate, forme lineari e nette, che ben si sposano con uno tocco leggero e rilassato. Ma soprattutto abbiamo visto uno stile genuinamente maschile, per niente ambiguo, in cui anche i fiori di stoffa applicati al bavero della giacca non ricordano Chanel, ma un deciso gesto rock, al limite del punk, capace di dimostrare una profonda conoscenza di quello di cui si sta parlando.

Annunci

Costume e lingua

Come si pronuncia Costume National? All’inglese (Costium Nescional) o alla francese (Costüm Nasional)? Nel settore moda pare non ci sia una risposta univoca.

Anche alla sfilata della collezione uomo PE2015 si sentivano entrambe le versioni, pronunciate da fashionisti di ogni latitudine. Ma poco importa. Quello che conta è che anche questa volta Ennio Capasa è riuscito a parlare la sua lingua, quella di uno stile chiaro, netto, definito, preciso, focalizzato. Può piacere o meno, ma è uno dei pochi stilisti che abbia il coraggio di lavorare di fino, aggiungendo a ciascuna collezione un pezzo di percorso senza doverlo stravolgere ogni volta, senza scopiazzare tendenze preconfezionate o facendo – chessò – salti mortali dalla Sicilia alla Spagna cercando una giustificazione da sussidiario ormai scaduto.

Capasa parla la lingua di una trasgressione raffinatissima, che normalizza quello che una volta faceva storcere il naso, che sa cristallizzare la storia delle subculture e ce le fa vedere con occhi nuovi.

IMG_9917 IMG_9919 IMG_9926 IMG_9931 IMG_9935 IMG_9936 IMG_9940 IMG_9941 IMG_9945 IMG_9947 IMG_9985